Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Martedì 23 Maggio 2017
Salta i link dei menu
Versioni alternative: Solo testo - Alta visibilità
Home Frecce Appalti Frecce Faq
Faq

Quesito N. 2

Autore: Direzione Appalti e Contratti.
Data prima pubblicazione: Lunedì, 15 Maggio 2017, Ore: 17:15:51
Data ultima modifica: Lunedì, 15 Maggio 2017, Ore: 17:15:51
Data scadenza: 29-05-2017
Domanda: La presente per richiedere chiarimenti sulla possibilità di usufruire dell’istituto dell’avvalimento, ed in subordine del c.d. avvalimento interno tra operatori del medesimo raggruppamento temporaneo di imprese, in relazione alla misura del capitale sociale i.v. ai sensi dell’art. 3 bis , comma 1 lett. b) del d.l. 40/2010, convertito in l. 73/2010, richiesto dall’articolo 11 c). 2 “Requisiti di idoneità professionale” del bando di gara. Lo scrivente concessionario infatti, pur essendo regolarmente iscritto all’Albo Nazionale dei gestori di cui all’art. 53 c. 1 del d.lgs. 446/1997, al n. 115 per la categoria prevista dall’articolo 6, comma 1 lett. b) del D.M. 289/2000, non possiede un capitale sociale di 5 milioni, avendo interamente versato l’importo di € 2.583.000,00: può usufruire dell’istituto dell’avvalimento per quanto riguarda la “ dichiarazione di possesso di un capitale sociale i.v. ai sensi dell’art. 3 bis , comma 1 lett. b) del d.l. 40/2010, convertito in l. 73/2010” richiesto dall’articolo 11 c) 3 del bando di gara ( pagina 3)? Ed in caso affermativo, è possibile ricorrere all’istituto del c. avvalimento interno, ex articolo 89 d.lgs. 50/2016, usufruendo del requisito ut supra posseduto dall’operatore economico facente parte del medesimo raggruppamento temporaneo di imprese di cui farebbe parte anche lo scrivente concessionario?
Risposta:

Si ritiene che l'avvenuto adeguamento del  capitale sociale al valore minimo previsto dall'art. 3-bis del D.L. n. 40/2010, inteso come requisito proprio e stabilmente posseduto dall'operatore, costituisca (fatte salve le eccezioni di legge) presupposto necessario affinchè l'iscrizione all'Albo Nazionale dei Gestori della riscossione -requisito di idoneità professionale - abbia efficacia abilitante; in mancanza, per espressa previsione di legge, l'operatore non può considerarsi idoneo alla partecipazione alle gare. Pertanto si ritiene che, nel caso specifico, il capitale sociale minimo non possa costituire oggetto di avvalimento (vedasi punto 11, ultimo capoverso, del bando di gara).