Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Lunedì 09 Dicembre 2019
Salta i link dei menu
Versioni alternative: Solo testo - Alta visibilità
     Mappa del sito
Home Frecce Notizie

Paolo Baratella: Nemici. Amore e contesa

Autore: Amministratore.
Data prima pubblicazione: Giovedì, 28 Maggio 2015, Ore: 12:48:38
Data ultima modifica: Giovedì, 28 Maggio 2015, Ore: 12:48:38
Descrizione:
Alessandria
Galleria "Carlo Carrà" - Palazzo Guasco (tel. 0131-304004-6)
Dall'8 maggio all'8 giugno 2003
Inaugurazione giovedì 8 maggio, ore 18.00

L'Amministrazione Provinciale di Alessandria - Assessorato alla cultura organizza dall'8 maggio all'8 giugno 2003 nelle sale della Galleria "Carlo Carrà" di palazzo Guasco di Alessandria una mostra dell'artista Paolo Baratella intitolata Nemici. Amore e contesa.

La mostra, che sarà documentata da un catalogo a colori edito da Anthelios, non è un'antologica, ma una raccolta dei dipinti, in buona parte inediti, che documentano una nuova e assai interessante fase del lavoro di Baratella, che nato a Bologna nel 1935 dai primi anni '60 è attivo sulla scena nazionale e internazionale con una pittura di immagini densa di riferimenti alla storia, alla filosofia e all'attualità.

Il tema "Nemici. Amore e contesa" come sempre accade nel lavoro dell'artista stigmatizza il tempo in cui viviamo. Torre di Babele, Colonna rigida spezzata, Nascita di Dioniso, Baccanti sul Citerone, Torre/Plastika, Enigma sono alcuni dei titoli delle grandi opere esposte, attraverso le quali sono riproposti dati caratteristici della sua pittura: la citazione pittorica e filosofica, e l'appropriazione/manipolazione delle immagini della comunicazione contemporanea. Alla continuità della ricerca tematica si affianca, nelle opere recenti, un rinnovamento sostanziale della tecnica e dei supporti impiegati, in uno scatto che alla povertà dei materiali - grandi teloni di plastica trasparente - fa corrispondere un uso del colore come sempre rutilante e fantasmagorico.
La mostra è a cura di Maria Luisa Caffarelli e Marco Rosci.
L'inaugurazione avverrà a palazzo Guasco giovedì 8 maggio alle ore 18.00 e resterà aperta fino all'8 giugno.