Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Home Frecce Notizie Frecce Archivio
Archivio

Adempimento degli obblighi di comunicazione previsti in capo ai distributori di combustibile per gli impianti termici, ai sensi dell'articolo 39 della l.r. 3/2015 e s.m.i.

Autore: Amministratore.
Data prima pubblicazione: Mercoledì, 04 Marzo 2020, Ore: 10:39:04
Data ultima modifica: Venerdì, 20 Marzo 2020, Ore: 09:40:11
Area tematica: Energia
Descrizione:
Vista l'emergenza in atto, tenuto conto del recente decreto legge 18/2020 del 17 marzo 2020 e in attesa di un adeguamento normativo regionale, si comunica che l’attuale scadenza del 31 marzo 2020 è al momento posticipata al 15 aprile 2020. Ulteriori aggiornamenti saranno comunicati tempestivamente.

Entro il 31 marzo p.v. i distributori di combustibile per gli impianti termici devono comunicare, mediante il Catasto degli Impianti Termici (CIT), i dati relativi all'ubicazione e alla titolarità degli impianti riforniti nell’anno 2019 e i dati relativi alle forniture annuali di combustibile per le utenze asservite.

Ai sensi dell’Allegato C alla d.g.r. n. 32-7605 del 28 settembre 2018 sono considerati a tutti gli effetti distributori di combustibile e pertanto sono soggetti agli obblighi di trasmissione dei dati relativi alle utenze attive intese come utilizzatori finali:
i venditori di energia termica anche mediante reti di teleriscaldamento;
i distributori di gasolio e GPL per riscaldamento extra rete;
i fornitori e i venditori di combustibile solido (pellet, tronchetti, cippato ecc.) nei casi in cui i singoli ordini di acquisto o di fornitura prevedano almeno 3.000 kg di combustibile.

In caso di inadempimento del suddetto obbligo, l’articolo 41, comma 2 bis, della l.r. 3/2015 prevede la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1.000,00 a euro 6.000,00.