Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Sabato 25 Marzo 2017
Salta i link dei menu
Versioni alternative: Solo testo - Alta visibilità
Home Frecce Progetti Europei
Progetti Europei

Progetto CLISP

Autore: Amministratore.
Data prima pubblicazione: Lunedì, 04 Maggio 2009, Ore: 17:19:23
Data ultima modifica: Lunedì, 19 Ottobre 2009, Ore: 18:39:17
Area tematica: Progetti Europei
Destinatari: Imprese

Logo ClispLogo Spazio Alpino
CLISP è un progetto europeo finanziato dal Programma Spazio Alpino nell'ambito della Cooperazione Territoriale Europea 2007-2013. Il progetto, che è iniziato nel settembre 2008 e si concluderà nel settembre 2011, verte sull’adattamento delle politiche e delle pratiche di pianificazione territoriale al cambiamento climatico.

Capofila dell’iniziativa è l’Agenzia Federale Austriaca dell’Ambiente, con sede a Vienna. Il partenariato è composto da 14 soggetti: 6 austriaci, 3 italiani, 1 tedesco, 1 sloveno, 2 svizzeri e uno proveniente dal Principato del Liechtenstein. Il partenariato include organizzazioni internazionali, governi nazionali e regionali, agenzie nazionali, province, istituzioni scientifiche e di ricerca.

Il progetto CLISP vuole affrontare le sfide che il cambiamento climatico pone rispetto alle politiche di pianificazione territoriale, sfide che si possono vincere grazie a soluzioni di pianificazione “a prova di clima”. CLISP si pone l’obiettivo di posizionare la pianificazione territoriale come fattore-chiave per lo sviluppo sostenibile nel contesto degli effetti deleteri provocati dal cambiamento climatico.

Il cambiamento climatico – nello Spazio Alpino più che in altri contesti geografici – è destinato ad influenzare lo sviluppo territoriale, l’utilizzo del suolo e le attività socio-economiche. L’incremento delle temperature medie, le variazioni di quantità, distribuzione e intensità delle precipitazioni, la riduzione del manto nevoso e la maggiore incidenza di eventi meteorologici estremi comporteranno una serie di impatti negativi ma potranno anche dischiudere nuove opportunità.

Il crescente rischio connesso a fenomeni come scarsità idrica, ondate di caldo e aumentata probabilità del verificarsi di catastrofi naturali (inondazioni, frane, nubifragi, smottamenti rocciosi, incendi boschivi, ecc.) è destinato a minacciare centri abitati, infrastrutture, beni materiali e vite umane. Le future opportunità di sviluppo territoriale potrebbero risentire di tutto questo, così come potrebbero emergere conflitti tra la necessità di prevenire il rischio e gli interessi collegati allo sfruttamento del territorio. In un simile contesto, la pianificazione territoriale può rappresentare un potente strumento per l’adattamento al cambiamento climatico e la riduzione della vulnerabilità.

Il progetto CLISP si articola in 7 pacchetti di lavoro (work packages) strettamente interconnessi, ed è seguito da 7 osservatori ufficiali.

L’indirizzo del sito web del progetto è: www.clisp.eu