Provincia di Alessandria - portale istituzionale

Nodo territoriale contro le discriminazioni

I Nodi territoriali contro le discriminazioni, presso i quali operano persone formate su questo tema, svolgono una funzione essenziale nell’ambito della Rete regionale: sono i luoghi-chiave ai quali le persone che subiscono una discriminazione possono rivolgersi per ricevere aiuto. 

Attivati a partire dal 2011, i Nodi hanno ottenuto riconoscimento legislativo grazie alla Legge regionale 5/2016, che assegna loro i seguenti compiti:

  • accoglienza, orientamento, presa in carico delle persone e gestione dei casi di discriminazione
  • costruzione e coordinamento della Rete territoriale contro le discriminazioni
  • monitoraggio del fenomeno delle discriminazioni a livello territoriale
  • informazione, comunicazione e sensibilizzazione sulle tematiche antidiscriminatorie nel territorio di competenza, con la supervisione del Centro regionale

A fine 2020, sono stati sottoscritti o rinnovati Protocolli d’intesa per l’attivazione o la riattivazione dei Nodi territoriali, tra la Regione Piemonte e le Province di Alessandria, Biella, Novara, Vercelli, Verbano Cusio Ossola, la Città metropolitana di Torino, la Città di Asti e la Città di Cuneo.

I Nodi territoriali della Rete regionale contro le discriminazioni sono 8: uno per ogni territorio provinciale e metropolitano.

Chi subisce o assiste a una discriminazione può rivolgersi al Nodo più vicino.

RETE ANTIDISCRIMINAZIONI E PUNTI INFORMATIVI
L’art. 12 della L R 5/2016 istituisce la Rete Regionale contro le Discriminazioni  con compiti di prevenzione e contrasto delle discriminazioni e assistenza alle vittime http://www.piemontecontrolediscriminazioni.it/rete-regionale
Ciascun Nodo costituisce e coordina la Rete territoriale, alla quale aderiscono enti, istituzioni, organizzazioni senza scopo di lucro e rappresentanti delle parti sociali che si riconoscono nei principi della legge regionale 5/2016 e intendono collaborare alle attività antidiscriminatorie. I soggetti che aderiscono alla Rete territoriale possono farlo con la funzione di Punti informativi, se rispettano alcuni requisiti stabiliti dalle norme regionali.
I Punti svolgono i seguenti compiti:

  1. diffusione di informazioni sul funzionamento della Rete regionale contro le discriminazioni e sui contenuti della l.r. 5/2016 con riferimento al territorio di propria competenza o per uno specifico target di popolazione;
  2. accoglienza, ascolto e riconoscimento di situazioni discriminatorie nell’ambito della propria attività ordinaria di contatto con persone a rischio di discriminazione; orientamento delle stesse al Nodo territoriale di riferimento ed eventuale collaborazione col Nodo per l’individuazione di soluzioni.

PER ADERIRE ALLA RETE
MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L’ADESIONE ALLA RETE TERRITORIALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI DI ALESSANDRIA E PER LA CANDIDATURA A DIVENTARE “PUNTI INFORMATIVI” (L.R. 5/16 “Norme di attuazione del divieto di ogni forma di discriminazione e della parità di trattamento nelle materie di competenza regionale” e successivo regolamento attuativo)

Piemonte in rete contro le discriminazioni

COME SI ACCEDE AL NODO:
IL NODO antidiscriminazioni della Provincia di Alessandria ha uno sportello aperto al pubblico il mercoledì mattina dalle 9 alle 12, a Palazzo Ghilini, in Piazza della Libertà 17 al primo piano (mezzanino), ascensore
Riceve su appuntamento telefonando al 0131303147 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12  oppure scrivendo una mail a
antidiscriminazioni@provincia.alessandria.it

Referente del Nodo e della Rete territoriale contro le discriminazioni in Piemonte Nodo provinciale di Alessandria della Rete nazionale antidiscriminazioni Unar è la dott.ssa Lisa Priarone

Ultima modifica: 29 Marzo 2024 alle 10:46
Non hai trovato quel che cerchi? Contattaci
torna all'inizio del contenuto